|

Zarate di fronte a Ballardini: Maurito prepara la sua rivincita

Zarate di fronte a Ballardini: Maurito prepara la sua rivincitaBallardini gli aveva tolto il sorriso. Proverà a ricambiare il favore. A distanza di un anno esatto, giovedì prossimo, si ritroveranno a Marassi. Mauro Zarate s’è ripreso la Lazio. Ha impiegato quasi dodici mesi per riuscirci e deve ancora impegnarsi per convincere Reja, che sta provando a indicargli la strada per diventare grande. Il suo mondo, però, è tornato a sorridere. Si è capovolto rispetto al 6 gennaio di un anno fa, quando gli crollò addosso. Senza preavviso, si sentì solo, nudo, quasi abbandonato. Era stato uno dei migliori nella partita con il Livorno, aveva inventato un assist per Floccari. Al rientro negli spogliatoi, anzi a casa perché quelle parole gli furono riferite quando era già tornato tra le mura domestiche, l’attacco durissimo di Ballardini. Il tecnico di Ravenna parlò di mancanza di rispetto nei suoi confronti, ma anche del gruppo, per il rientro ritardato dall’Argentina. Parlò di individualismo e protagonismo. Disse, con qualche frase ambigua e senza molta chiarezza, che a 25 giorni dalla fine del mercato era giunta l’ora di fare delle scelte definitive, di guardare con coraggio al futuro. Stava, in buona sostanza, scaricando Zarate. Forse un modo, secondo le interpretazioni più maliziose, per spostare l’attenzione da quel “vaffa” che sembrava rivolto ai tifosi e che l’allenatore romagnolo giustificò con un momento di rabbia legato alla partita. “O va via mio fratello o Ballardini” tuonò Il Raton dall’Argentina.

Certo la spirale di tensione finì per coinvolgere Zarate, sempre meno brillante e ispirato, con la faccia triste, perché sul campo non riusciva più a indovinare una giocata e non gli sembrava più la sua Lazio. Un vortice capace di risucchiarlo e di farlo sparire o quasi per il resto del campionato, chiuso malinconicamente in panchina con Reja, un solo bagliore, quel gol segnato al Parma che sembrava fosse l’inizio della rinascita e che invece si trasformò nell’ultimo acuto del suo campionato. Maurito s’è ripreso, o si sta riprendendo, la Lazio. Ballardini l’ha persa un mese dopo quel 6 gennaio. Curioso il destino perché alla ripresa del campionato metterà il suo Genoa di fronte ai biancocelesti.

Reja si ripresenterà con Zarate. “Se mi segue diventerà grande”, ha ripetuto prima di Natale. Gli sta addosso, lo tormenta, lo vuole più concreto sotto porta, meno egoista, al servizio della squadra, disponibile ad attaccare gli spazi, seguendo quei movimenti che tanto bene riescono a Rocchi. Maurito lo sta seguendo, ha dimostrato dei progressi. Nel passato campionato segnò appena tre gol, di cui uno su rigore. Quest’anno, nonostante Reja spesso lo sostituisca e gli abbia imposto la panchina, ha già realizzato quattro gol (senza rigori) in sedici partite di campionato e neppure giocando a tempo pieno. Ha voglia di vincere, con la Lazio ha alzato due trofei (Coppa Italia e Supercoppa), ora sogna di lottare per lo scudetto. Ieri era a Formello e ha ripreso gli allenamenti. E’ tornato due sere fa da Buenos Aires con Natalie Weber, la fidanzata. Ieri Maurito stava già correndo verso Marassi. Prepara un’altra prodezza. Come due anni fa, quando segnò in contropiede, seminando Bocchetti.

Fonte:corrieredellosport

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=5430

Posted by on Dic 30 2010. Filed under News Lazio. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...