|

Tounkara, verso Cagliari?

Tounkara, verso CagliariPer lui era stato disegnato lo stesso percorso tracciato per Keita. Da mesi era nella lista dei baby da promuovere: era il primo da chiamare, era il più atteso, era il predestinato, doveva essere il suo ritiro dopo l’esordio in serie A vissuto nell’annata scorsa. E invece Mamadou Tounkara non andrà ad Auronzo di Cadore, le indiscrezioni di inizio giugno stanno trovando conferma.

Nelle finali scudetto di Gubbio (giugno 2013) aveva esaltato tutti, aveva convinto Petkovic a portarlo sotto le Tre Cime di Lavaredo. Tounkara, il gemellino di Keita, aveva sorpreso per le sue doti: tecnica, velocità, determinazione, fiuto, gol. Un anno dopo è cambiato tutto, nelle Final Eight di Rimini s’è visto un altro giocatore. E’ sceso in campo con scarsa cattiveria agonistica, è stato sempre fuori partita nel derby con la Roma, era irriconoscibile con il Torino. Tounkara s’è sentito grande, così non può essere alla sua età (ha compiuto 18 anni a gennaio). Ai giovani capita di montarsi la testa, è successo anche lui. E’ vero, l’infortunio ad un ginocchio (l’ha messo ko durante l’anno per tre mesi) non gli ha permesso di allenarsi al meglio e l’inattività l’ha penalizzato. Ma alla Lazio non è piaciuto l’atteggiamento che ha mostrato quando è tornato in campo ed anche fuori. Era uno dei giovani da inserire in prima squadra, dovrà tornare a faticare, a sudare, a meritare la chiamata. Quella per Auronzo a meno di sorprese non arriverà, il resto si vedrà in futuro.

Il contratto. La Lazio non l’ha fatta passare liscia a Tounkara e il contratto non c’entra nulla, l’esistenza delle firme non è inventata. Tounkara era in scadenza nel 2015, c’era il rischio che entrasse nel mirino di diversi grandi club, nei mesi scorsi è stato blindato sino al 2018. La bocciatura è dettata da vari fattori, di certo pesano quelli calcistici legati al rendimento ed anche quelli disciplinari. La Lazio vuole far capire a Tounkara che l’umiltà non va mai persa, che bisogna conquistare stima e spazio ogni giorno, in ogni allenamento. Tounkara si presentò bene nel ritiro dell’anno scorso, fu accolto e “adottato” dai big. Era silenzioso, pensava a sgobbare, correva senza fermarsi, si mangiava il campo nelle amichevoli. Tra lui e Keita era quest’ultimo a suscitare dubbi comportamentali. La coppia sognava di ritrovarsi in campo in serie A, è successo il 18 maggio, nel match contro il Bologna, l’ultimo della stagione ufficiale. Tounkara confessò la sua gioia: « E’ stata un’emozione grande, questo esordio lo aspettavo da tanto tempo, da Auronzo in poi non ho mai mollato e sono tornato anche dopo l’infortunio. Grazie a Bollini e ad Inzaghi ».

Le vittorie. Tounkara ha vinto lo scudetto con Bollini, ma con Inzaghi (a causa dell’infortunio) ha giocato poco. Quando s’è rialzato ha lasciato il segno, ha siglato 10 gol in 13 partite, ha vinto la Coppa Italia, ha fallito i play-off. Il futuro di Tounkara (sarà perdonato?) si conoscerà nelle prossime settimane. Pioli, d’accordo con la società, sta definendo la lista dei baby per Auronzo, nell’elenco ci sarà di certo Oikonomidis (è la vera sorpresa, ha fatto benissimo nei play-off, è stato promosso). Il rebus Tounkara è apertissimo, deve riconquistare la Lazio.

Fonte:corrieredellosport

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=32588

Posted by on Lug 4 2014. Filed under Calciomercato, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...