|

Sequestro di 2,3 milioni al capo ultra Diabolik

Sequestro, 2,3 milioni, capo ultra Diabolik«Pronto? Sono Diabolik». «E io sono l’ispettore Ginko». Questo, quasi dieci anni fa, fu il primo contatto tra Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, uno dei quattro capi ultrà della curva laziale e il presidente Claudio Lotito. Diabolik, ovviamente, quella battuta di Lotito non la prese affatto bene. Ma l’uscita del patron fu in qualche modo profetica. Perché, quasi dieci anni dopo, Piscitelli è finito nei guai per un’operazione che la Guardia di Finanza ha denominato «Ginko», dal nome dell’ispettore che dà la caccia Diabolik nell’omonimo fumetto.

Oltre due milioni
L’operazione «Ginko» è scattata quasi un anno fa e ha portato all’arresto di Piscitelli (tuttora in carcere a Rebibbia) per traffico di stupefacenti tra Spagna e Italia. Prima ricercato, l’ex capo ultrà degli Irriducibili è stato arrestato lo scorso fine settembre. A tradirlo fu proprio…la Lazio. Gli investigatori lo scovarono infatti a casa di un amico (era latitante) dove era andato per assistere ad una partita di Europa League (con l’Apollon Limassol) della sua squadra del cuore. Ieri gli investigatori hanno aggiunto un altro importante tassello. A Piscitelli sono stati sequestrati beni per oltre 2,3 milioni di euro. Un tesoro fatto di proprietà immobiliari, automobili, conti bancari (con alcuni beni intestati a moglie e figlia). Secondo gli inquirenti sono presumibilmente il frutto dell’attività criminosa legata al traffico di droga.

La guerra con Lotito
La fortuna messa su da Diabolik, quindi, non ha a che fare direttamente con l’attività di capo ultrà della curva biancoceleste. Un’attività che lo vide protagonista negli anni Novanta e poi nella prima metà dei Duemila insieme con gli altri tre capi storici della curva Nord: Fabrizio Toffolo, Yuri Alviti e Paolo Arcivieri.

Irriducibili
Capi incontrastati degli Irriducibili, il gruppo leader della curva laziale, fino all’avvento di Lotito. Che con loro ruppe subito i rapporti e chiuse i rubinetti aperti dalle precedenti gestioni attraverso l’elargizione di biglietti omaggio, contributi per le coreografie e la rinuncia a sviluppare il merchandising ufficiale in favore di quello degli Irriducibili. Quest’ultimo elemento rientra anche nell’operazione Ginko, perché tra i beni sequestrati a Piscitelli ci sono anche i proventi dalla commercializzazione dei prodotti targati Irriducibili. Ma, sul versante della Lazio, i problemi per Piscitelli e gli altri tre ex capi derivano soprattutto dal processo nel quale sono imputati per aggiotaggio e tentata estorsione nei confronti del presidente Lotito. Il pubblico ministero ha chiesto otto anni di carcere per ciascuno, la sentenza è attesa nei prossimi mesi. La vicenda è quella della tentata scalata alla Lazio del gruppo Chinaglia. Ginko, insomma, sembra avere avuto la meglio su Diabolik.

Fonte:gazzettadellosport

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=32985

Posted by on Lug 24 2014. Filed under News Lazio, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...