|

Reja:” ora di più non possiamo fare. Kozak?L’hanno studiato e marcato bene

REJA CONTRO IL CHIEVO IL PARGGIO UNA MEZZA SCONFITTA, REJA IL GOL DEL CHIEVO E' IRREGOLAREROMA – Un punto che fa male. Troppo alto il fortino del tabù Chievo per una Lazio che ha ufficialmente cambiato volto rispetto alla prima parte del campionato. La ritrovata compattezza è ormai assodata, ma questa volta non è stata sufficiente per dare continuità ai miglioramenti evidenziati con Fiorentina e Milan. Non è bastata una prodezza di Hernanes per spianare la strada del definitivo rilancio. La Lazio rallenta ancora, ma questa volta le altre non l’aspettano. Pareggia ancora il Milan, ma nella zona della graduatoria che interessa di più ai biancocelesti un po’ tutti hanno iniziato a correre veloce. Dal Napoli alla Juventus, passando dal Palermo e l’Udinese: “Vista la nostra classifica, il pareggio di oggi per noi equivale ad una mezza sconfittaha esordito amaramente Reja in conferenza stampa – . Queste squadre hanno iniziato a viaggiare spedite, noi dobbiamo attendere di venire fuori da questo momento. Secondo me siamo in crescita, ma a mancarci è stata maggiore concretezza in avanti”.

A finire sul banco degli imputati del tecnico goriziano è la sterilità del reparto offensivo biancoceleste, incapace di massimizzare con continuità lo sforzo del resto della squadra: “C’è poco da fare, bisogna avere attaccanti veri, da 15-20 gol – sottolinea Reja – . Non arriviamo facilmente al gol, ci manca una certa forza in fase offensiva, non riusciamo a trovare lo spiraglio giusto. Aspettiamo anche i recuperi di Floccari e Rocchi che vedono di più la porta”.

Nello specifico Reja salva il solito Kozak e butta giù dalla torre Zàrate: “Oggi non gli ho chiesto nessun sacrificio in fase difensiva ma solo di essere decisivo. Ha giocato da punta, ma è inutile chiedergli di dare profondità alla sua azione perché non lo fa, non è nelle sue corde. Lui va sempre a caccia del pallone, corre solo con la palla al piede, il problema è che non riesce a saltare più l’uomo. Non ha più la forza nelle gambe per farlo”. Diverso è il trattamento verbale riservato al giovane attaccante ceco, secondo Reja preso particolarmente di mira dal direttore di gara: “In avanti siamo mancati, ma devo dire che anche oggi la prestazione di Kozak è stata importante. Lui manca di esperienza ma ci dà grande fisicità. Il problema è che oggi l’arbitro gli ha fischiato tutto contro, evidentemente dopo quanto accaduto a San Siro si sono organizzati contro di lui e questo mi dispiace. Dopo l’incontro con il Milan ha subito un aspetto mediatico particolarmente critico, l’hanno segato e penso che non meriti questo. Oggi è stato chiaro l’atteggiamento verso di lui, non vorrei che diventi una costante”.

Una costante stanno diventando anche i fischi della Curva Nord nei confronti di Reja. Il pretesto oggi è arrivato dalle sostituzioni di Hernanes e Zàrate: “Mi sono sembrati un po’ spenti in un momento in cui si chiedeva una certa intensità. Ho inserito Mauri e per dare maggiore vivacità alla squadra. Considerando anche il modo di giocare del Chievo, non c’era più spazio per manovre, ho cercato la soluzione degli inserimenti dalla distanza con Mauri e la possibilità di raggiungere il fondo del campo con Sculli. Non c’erano altre soluzioni. Giustamente quando faccio uscire simboli come Hernanes e Zàrate la gente fischia. E’ normale, ma io devo tutelare tutta la squadra”.

E’ stata la mossa della disperazione che non ha sortito i risultati sperati, dopo un primo tempo di discreta fattura e l’amnesia che è valso il pari di Cesar: “La Lazio ha dato tutto quello che in questo momento può dare. Consideriamo anche che il Chievo ha fatto un solo tiro in porta, dal quale è arrivata la rete. Abbiamo messo in campo tante energie, il primo tempo è stato apprezzabile, poi dopo è diventata dura trovare degli spazi. Il Chievo è particolarmente in forma in questo momento, noi non siamo al 100%, ma ai ragazzi non posso dire nulla”.

Ha apprezzato la prestazione di Bresciano (“Spesso di lui non si considerano tutte le cose che di positivo fa, come la corsa e le penetrazioni senza palla”), molto meno quella del direttore di gara: “In occasione del loro pareggio c’era fallo prima su Matuzalem, poi dopo il calcio d’angolo su Dias. Entrambi sono stati letteralmente buttati a terra. Ma questi non sono stati gli unici falli rilevati: non voglio accampare scuse, ma un briciolo in più di considerazione potevamo averla”.

Fonte:lalaziosiamonoi

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=7275

Posted by on Feb 6 2011. Filed under Campionato, News Lazio, Stagione. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...