|

Lulic dall’inizio contro il Genoa e ritorno al 4-3-1-2

Lulic dall’inizio contro il Genoa e ritorno al 4-3-1-2 ROMA – Ha ritrovato antiche certezze e la posizione conosciuta meglio in carriera. La partita con il Vaslui ha “riconsegnato” Senad Lulic alla Lazio. Era stato acquistato come alternativa a Radu nel ruolo di terzino sinistro, dopo due mesi di esperimenti in altri ruoli, cambiando anche fascia, il bosniaco con passaporto svizzero ha dimostrato nel debutto di Europa League di poter giocare anche e soprattutto sulla linea difensiva. Di sicuro è andato meglio rispetto alla prova di San Siro e anche a tutte le amichevoli estive in cui Reja l’aveva provato da centrocampista esterno con risultati scarsissimi. Lulic gioca abitualmente terzino sinistro nella difesa a quattro della nazionale bosniaca (14 presenze) e con lo Young Boys nella passata stagione si muoveva da esterno nel 3-5-2.

DESTRO – Ha un passo da quattrocentista e chiare propensioni offensive: nel 2007/08 realizzò 10 gol nella serie B svizzera trascinando il Bellinzona verso la promozione. Da esterno di centrocampo, però, non funziona benissimo, perché si trova con meno profondità per liberare la sua progressione e partire rubando metri agli avversari. Non può essere ovviamente paragonato a Radu per la fase difensiva, ma con il Vaslui ha fatto pesare i suoi centimetri nel gioco aereo (come ha raccontato lo stesso Reja) e ha intercettato in interdizione diversi palloni. Dovrà migliorare e confermarsi, questo è ovvio, ma sono stati segnali importanti. Non è un acquisto da buttare o da guardare con la diffidenza che lo aveva accompagnato nelle prime settimane di avventura in maglia biancoceleste. Certo un difetto appare evidente. Non ha piedi buonissimi,ma non è questo il punto. Semmai tocca poco il pallone con il sinistro, se lo porta quasi sempre sul destro e questa mancanza di sicurezza gli impedisce di andare subito al cross e di sfruttare in pieno la corsa. Dovrebbe rischiare di più nella fase offensiva, anche sbagliando cross facili e applicandosi in allenamento si può migliorare, a patto di accompagnarne la crescita senza pressioni. «Era più sereno e ha giocato con maggiore sicurezza» ha spiegato Reja dopo la partita. Il tecnico friulano, che pure all’inizio non credeva moltissimo in Lulic terzino, ora ci sta lavorando, ne ha apprezzato i progressi e quasi certamente lo confermerà titolare con il Genoa. Se il bosniaco è stato acquistato per crescere dietro a Radu, è giusto concedergli fiducia almeno sino a quando il romeno non potrà rientrare. Anche perché la società ha compiuto un investimento di 3 milioni e deve poterlo valorizzare, trovando un potenziale titolare in un ruolo scoperto da troppo tempo.

ATTESA – Tutti, Reja compreso, puntavano sul recupero di Zauri, insufficiente in queste due partite. Garrido, preso l’estate scorsa, s’è rivelato un flop ed è rimasto alla Lazio perché nessuno l’ha acquistato. In organico, ma fuori lista Uefa, ci sono anche Scaloni, Del Nero e Stankevicius, all’occorrenza anche terzino sinistro. E poi ci sarebbe Luis Cavanda, che si è involuto ed eclissato negli ultimi mesi senza mantenere le promesse. Un anno fa Reja lo stava lanciando in serie A. Oggi il tecnico friulano e anche il ds Tare sono molto delusi dai comportamenti e dalla mancata maturazione del ragazzo, oggi di nuovo convocato con la Primavera di Bollini. Continuando così, faticherà a ritrovare la prima squadra e ad affermarsi nel calcio.

Fonte:corrieredellosport

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=13277

Posted by on Set 17 2011. Filed under Formello, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...