|

Lazio d’attacco, col Parma spazio ad Alfaro

Promosso. A meno di ripensamenti dell’ultimora, anzi dell’ultimo allenamento, quello in programma oggi a Formello, Emiliano Alfaro sarà la grande novità della Lazio domani sera a Parma. Una novità che è figlia di un altro cambiamento, quello del modulo. Contrariamente a quanto detto a inizio settimana, quando aveva svelato l’intenzione di confermare il 4-2-3-1, Reja sembra infatti orientato a tornare al 4-3-1-2 nella trasferta di domani sera a Parma. Una svolta dettata dalla volontà di tornare a vincere, o quantomeno a far punti, lontano dall’Olimpico, evento che per la Lazio non si verifica da due mesi, dal 29 gennaio quando i biancocelesti passarono al Bentegodi sul Chievo per 3-0.

Alfaro promosso Il 4-3-1-2 con cui la Lazio scenderà in campo al Tardini, stando alle indicazioni della partitella disputata mercoledì a Formello, prevede davanti alla difesa titolare un centrocampo composto da Gonzalez, Ledesma e Matuzalem, il trequartista sarà Mauri, mentre la coppia d’attacco sarà composta da Rocchi e Alfaro. L’uruguaiano disputerà così la sua seconda partita da titolare dopo quella di Palermo di un mese e mezzo fa. In quell’occasione le cose andarono malissimo per la Lazio (sconfitta per 5-1) e non andarono bene neppure per Alfaro. Ma l’attaccante era sceso in campo con pochi allenamenti nelle gambe dopo l’infortunio rimediato all’arrivo a Formello. Nel frattempo l’uruguaiano ha giocato tre spezzoni di partita nei quali si è sempre fatto molto apprezzare. In particolare nell’ultimo dei tre, quello di domenica scorsa nel match col Cagliari. Ha giocato l’ultima mezzora, Alfaro, risultando determinante ai fini di una vittoria strappata con le unghie dalla Lazio. Ci ha messo il cuore, l’attaccante uruguaiano, ed anche una discreta tecnica. Ha pure sfiorato il gol, appuntamento che il ragazzo arrivato da Montevideo spera di centrare domani sera a Parma, dove avrà la possibilità di graffiare sin dal primo minuto.

Un modulo elastico – Reja ha deciso di promuoverlo proprio per la sua generosità. Che tra l’altro consentirà al tecnico di utilizzare un modulo sì a due punte, ma comunque abbastanza equilibrato. Alfaro, infatti, è uno che non si tira certo indietro se si tratta di dare una mano a centrocampo e difesa in fase di copertura. E’ quanto il numero 30 biancoceleste dovrà fare domani sera, insieme ovviamente a ciò che gli riesce meglio e per cui la Lazio lo ha acquistato: fare gol. Con il Liverpool Montevideo, squadra per cui giocava prima di approdare alla Lazio, era un’attività che gli riusciva abbastanza facilmente. In Italia deve invece ancora rompere il ghiaccio: vorrebbe farlo all’Olimpico, stadio amico sin dal giorno in cui vi debuttò nella nazionale uruguaiana (è accaduto lo scorso novembre nell’amichevole tra Italia ed Uruguay). Ma anche il Tardini andrebbe benissimo per segnare il primo gol italiano. Anche Reja ci crede, per questo è intenzionato a gettarlo nella mischia sin dal primo minuto.

Fonte:corrieredellosport

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=17713

Posted by on Mar 30 2012. Filed under News Lazio, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...