|

Lazio, alla ricerca dei gol dell’attacco

ROMA – L’ultimo è stato Klose con la Fiorentina, domenica 26 febbraio. Da allora sette partite, 8 gol più un’autorete (Rubin del Bologna), due su rigore (Hernanes e Ledesma). A segno sono andati solo difensori e centrocampisti: gol da tre punti per Diakitè con il Cagliari, inutile la prodezza di Scaloni a Parma, gol pesante di Candreva con il Napoli, tre reti decisive o quasi di Mauri, che salterà il Lecce per scontare la squalifica. Mancano i gol degli attaccanti. Reja e la Lazio ne hanno bisogno: servono come il pane, sono necessari per andare avanti e tagliare il traguardo della Champions. Il friulano s’affiderà a Rocchi, Kozak e Alfaro per la volata. Restano sei partite, c’è qualche gol da segnare per garantirsi il terzo posto.

ROCCHI – Toccherà al capitano trascinare la Lazio. Lo slittamento della trasferta di Novara gli avrà permesso di recuperare energie preziose dopo lo stress della doppia sfida con Napoli e Juve. Gli è mancato il gol, ma ha giocato alla grande, soprattutto nella sfida dell’Olimpico: un assist a Candreva, il rigore del 3-1 conquistato. L’ultima prodezza di Tommaso risale al primo febbraio, Lazio-Milan 2-0. In mezzo, però, c’è stato uno stiramento di secondo grado che l’ha tenuto lontano dal campo per un mese e mezzo. E’ tornato a giocare negli ultimi minuti a Catania, ha ripreso un posto da titolare con il Cagliari. Si sono leggermente abbassate le sue medie stagionali, che restano da applausi: 16 presenze in campionato per un totale di 940 minuti, 5 gol, 3 assist. Rocchi ha realizzato altri 3 gol in Europa League e uno in Coppa Italia. Può entrare subito in doppia cifra.

KOZAK – Gli arbitri lo hanno preso di mira. «Avevano commesso due volte fallo su di lui nella stessa azione, l’arbitro Damato lo ha ammonito ed espulso per doppio giallo» s’è lamentato Reja nei giorni scorsi. L’ariete ceco, che quest’anno non è ancora riuscito a emergere, dovrà saltare il Lecce e avrebbe potuto fare comodo in una partita così rognosa in casa. Sinora ha deciso la partita con il Cesena in rimonta e ha firmato un gol inutile a Palermo. La prima prodezza stagionale risale alla sfida interna con lo Sporting Lisbona in Europa League. Quest’anno ha giocato poco: 12 presenze in campionato, o meglio spezzoni, per 156 minuti totali, 2 gol e un assist (a Parma per Scaloni). Nel passato campionato aveva firmato 6 gol. Gli resteranno le ultime cinque giornate per lasciare il segno. E’ possibile che Reja lo rilanci dal primo minuto a Novara.

ALFARO – L’uruguaiano avrebbe giocato titolare al Piola. Domenica troverà posto in panchina e forse si ritaglierà uno spazio in partita. Le uniche due punte disponibili sono Alfaro e Rocchi. Cinque presenze, titolare solo all’esordio, 172 minuti in campo. L’ex punta del Liverpool Montevideo cerca ancora il suo primo gol nel campionato italiano: ci andò vicino a Palermo alla prima azione della partita ma il suo tiro di sinistro finì a lato. Il ds Tare ci puntava, Reja lo aveva accolto con diffidenza e riconsiderato dopo i primi allenamenti. Adesso Alfaro ha bisogno di dare dei segnali concreti per dimostrare di meritare la Lazio. Ha il finale di campionato a disposizione per cominciare a segnare.

Fonte:corrieredellosport

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=18374

Posted by on Apr 18 2012. Filed under News Lazio, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Marcello: Ma ancora queste stupide notizie nel sito della Lazio? C’è da vergognarsi.
  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...