|

Lazio, addio all’Europa

Lazio, addio all'EuropaIn un altro momento della stagione avrebbero avuto magari motivo di sorridere davanti a un 3-3 come questo dell’Olimpico, pieno di cose e di casi, ma nell’incredibile scontro verbale a fine gara tra Madorlini e Reja, in mezzo al campo davanti a un Mazzoleni ammutolito, c’era tutta la rabbia per un pari che non serve a nessuno dei due. Doveva vincere la Lazio, doveva vincere il Verona, come avevano fatto domenica Torino, Parma e Milan, ormai un fiato dietro l’Inter, tutte a caccia di un posto utile per l’Europa League. Invece Lazio e Verona restano le ultime due squadre della parte sinistra della classifica, a quota 53, posizione non certo ideale per lo sprint finale europeo. Quello più imbufalito era il tecnico veronese, scatenato contro la scelta dell’arbitro di concedere un rigore generosissimo a Klose, toccato da Albertazzi, in pieno recupero. E’ stato l’episodio che ha chiuso il match, nonostante Rafael avesse ribattuto inizialmente il tiro dal dischetto di Mauri, lesto subito però a ribattere in gol. Reja per parte sua ha urlato al collega di riguardarsi l’espisodio del primo tempo in cui era stato ingiustamente annullato il possibile 2-1 di Biglia per un presunto fallo di Lulic su Pilloud. Lulic espulso per un fallaccio si Iturbe a cinque minuti dal termine. Insomma, una rumba.

Occasione persa
Resta il risultato, tanto roboante quanto poco produttivo. La sensazione forte è che la Lazio, attesa adesso a Milano dall’Inter, abbia buttato via una occasione chiave, denunciando i limiti di tenuta mentale noti, che non le permettono di mantenere concretamente alcun vantaggio. In questo caso per due volte i biancocelesti hanno segnato per primi, con Keita (30′pt) e Lulic (15′st), subendo le rimonte di Marquinho (37′pt) e del fenomenale Iturbe (24′st), prima di trovarsi addirittura sotto per un gol di Romulo (37′st), appena entrato, propiziato da una incredibile dormita di Radu. E dire che inizialmente sembravano ipnotizzate dal brutto derby milanese, Lazio e Verona: totale assenza di ritmo, come se l’Europa non interessasse loro. Mauri troppo arretrato toglieva profondità, Biglia soffriva in modo eccessivo il volitivo Halfredsson, finendo per disfare quello che di buono provava a fare Ledesma. Dietro Biava e Cana si mettevano nel cono d’ombra di Toni, mentre Konko pativa le rare ma improvvise giocate di Marquinho. Difficile trovare spazi nella doppia linea a difesa di Rafael, organizzata dai veronesi.

Lampi
Poi alla mezzora la Lazio brillantemente è passata in vantaggio con un’azione bellissima, che ha sorpreso il Verona, pure schierato, veloce nella costruzione verticale impostata da Ledesma, perfetta nel gioco senza palla di Candreva e Keita, uno a sinistra l’altro a destra, il primo trovato dalla rifinitura di Mauri (innescato dall’italoargentino), e subito pronto a trovare il giovane ispano-senegalese, freddo e chirurgico nel tocco dell’1-0, suo quinto centro in campionato. E’ qui, ovviamente, che il match si è acceso. Rapido pareggio di Marquinho e immediato controbreak laziale (Biglia) annullato ingiustamente come detto.

Botte e risposte
Mandorlini è stato il primo a mettere mano al suo Verona, trovatosi nuovamente sotto al 15′ della ripresa grazie a una veloce azione Keita-Lulic: dentro Cirigliano e Romulo, che cambiano l’equilibrio del match. Arriva subito il nuovo pari veronese, merito di Iturbe (24′), stavolta il Verona prende il comando del gioco, dimostrando migliore gamba. Reja tarda forse nei cambi, dopo l’ingresso di Klose, e subisce il sorpasso di Romulo su “assist” di Radu. Sembra fatta per Mandorlini, sotto i cui occhi avviene il fallo da rosso di Lulic su Iturbe, prima che Toni fallisca due occasioni da gol allo scadere. E alla fine la Lazio agguanta il pari grazie al rigore di Mauri, ma resta lontana dall’obiettivo Europa.

Fonte:corrieredellosport

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=31782

Posted by on Mag 6 2014. Filed under Campionato, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...