|

I tifosi riabbracciano la loro Lazio

I tifosi riabbracciano la loro LazioSessantacinquemila persone per rievocare lo scudetto del ’74 Da anni lo stadio non era così pieno di laziali felici e festanti Applausi e cori per tanti ex campioni che non sono voluti mancare Sancita la pace con Nesta, acclamato Cragnotti. Grande assente Lotito

ROMA Un abbraccio lungo quarant’anni. Stretto, stretto che tiene saldamente legate tre generazioni di laziali. ”Di Padre in Figlio”, nome più giusto non poteva esserci per celebrare quel 12 maggio del 1974, la vittoria del primo scudetto della Lazio. L’impresa più bella per chi tifa biancoceleste, probabilmente una delle più emozionanti della storia del calcio italiano. E’ la serata che ogni laziale ha sempre desiderato, con l’Olimpico pieno di sciarpe e bandiere. Un’onda a tinte biancazzurre. Ieri sera il sogno è diventata realtà. Una realtà imbarazzante per l’attuale presidente e proprietario del club Claudio Lotito, unico grande assente di una delle feste più incredibili che la storia laziale possa ricordare. Prima dell’ingresso in campo dei protagonisti, ha sfilato l’intera Polisportiva, con l’arrivo a metà campodi tre paracadutisti.

APOTEOSI BIANCOCELESTE
Sugli spalti in sessantacinque mila a gridare l’amore per la prima squadra nata nella capitale. Nelle tribune dell’Olimpico non c’è spazio, la gente è seduta perfino sulle scale. Fuori c’è il delirio. Un “caos pacifico” che ha creato problemi di traffico nella parte Nord della capitale, rimasta bloccata per ore. Almeno quindicimila le persone che hanno acquistato all’ultimo momento il biglietto. Una buona parte dei tifosi ha dovuto desistere e ritornare a casa, limitandosi a seguire la festa in diretta televisiva. Una cosa del genere non si era vista nemmeno quando ci fu la festa per il secondo scudetto, quello del 2000 con Cragnotti e la sue stelle, da Nesta, celebratissimo anche ieri che si è riconciliato con il pubblico, a Mihajlovic, Conceicao, Boksic e tutti gli altri.

LACERANTE SCONFITTA
I laziali ci sono e sono tanti. «Ma che succede?», si chiedeva disperata una signora bloccata per mezzora in macchina davanti al Foro Italico. «Signo’, nun se preoccupi, è il giorno della liberazione della Lazio», gli risponde in coro una famiglia al completo: nonno e nonna, rispettivi figli e nipoti. Tutti insieme, con sciarpe e bandiere, a vedere la Lazio e tifare per Wilson e Oddi, Chinaglia, Maestrelli e Re Cecconi, ma anche per Ruben Sosa e Poli, Nesta, Mancini e Mihajlovic. ”Di Padre in Figlio”, appunto. È la fede per i colori laziali tramandata di generazione in generazione. I bambini, raggianti, saltellano da una parte all’altra dello stadio, regalando la fotografia più bella, dopo poco più di una settimana da Napoli-Fiorentina. Lotito non c’era, e chissà se avrà guardato in diretta tv quanto è successo ieri all’Olimpico.Avrebbe dovuto farlo. Per lui è una sconfitta pesante, lacerante, ma anche un’occasione da prendere al volo per rimettere le cose a posto e ripartire tutti insieme nel nome della Lazio.

Fonte:ilmessaggero

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=31929

Posted by on Mag 13 2014. Filed under News Lazio, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...