|

Djordjevic: “gol al derby e terzo posto”

Djordjevic, gol al derby, terzo postoEra teso, ha sudato, si deve ancora sciogliere fuori dal campo. Filip Djordjevic è un perfezionista, molto esigente e severo con se stesso: voleva dare di più in conferenza stampa, alla fine forse non si sentiva soddisfatto, nonostante parole piene di significati e aver esibito un ottimo italiano a meno di quattro mesi dal suo arrivo a Roma. Studiava la lingua già a Nantes, sono i dettagli a scavare la differenza. Il centravanti serbo, cinque gol con la Lazio, non si è preso la vetrina. E ha pensato subito alla squadra per spiegare perché si è ambientato in fretta. «E’ più facile quando giochi con grandi giocatori. Tutta la squadra mi aiuta, questo è molto importante». Corre la Lazio e non intende fermarsi. Djordjevic punta all’Europa, se possibile alla Champions. Non si è nascosto. Ci crede. «Abbiamo una squadra con tanta qualità, tutti noi vogliamo rimanere al terzo posto, faremo di tutto per riuscirci».

Intesa. Si gioca il posto ogni settimana e fa staffetta con un campione del mondo. Klose lo ha aiutato a inserirsi, a capire il calcio italiano. Filip lo ascolta e impara, si batte e vive con serenità la concorrenza quotidiana con un fuoriclasse che gli può togliere spazio. «Mi fa piacere giocare accanto a un calciatore importante come Klose. E’ un grande attaccante, uno dei migliori al mondo. Anche se occupiamo lo stesso ruolo, non c’è gelosia, parliamo sempre. Mi sta aiutando tanto». Gli vorrebbe rubare la capacità di smarcarsi sotto porta. «Miro lavora tanto per la squadra, aiuta tanto, in area di rigore è molto forte. Sono le cose che devo fare anche io, spero un giorno di riuscirci come lui». Il modulo non può dipendere dalle idee e dalle preferenze dal serbo. «E’ il mister che può decidere se giocare con una o due punte. Noi siamo qui per fare bene per la squadra e per segnare i gol. Mi andrebbe benissimo stare accanto a Klose, con i grandi giocatori è più facile. Ma sceglie l’allenatore».

Sogno. Qui sta scoprendo un altro calcio. «Ci sono tante differenze rispetto alla Francia, qui lavoriamo tanto sulla tattica, sulle palle inattive. Sono aspetti prevalenti rispetto all’aspetto fisico, molto più importante in Francia. Mi piace giocare in Italia». Il pensiero è proiettato a gennaio, all’eterna sfida con i giallorossi. «Tutti parlano di derby, mancano due o tre mesi alla partita con la Roma, già si sente. Della città mi piace tutto, è bellissima, la gente è gentilissima. Sono molto contento». Chissà se lotterà o meno per il titolo di capocannoniere, ma ieri non si è sbilanciato sul bottino di gol immaginato per fine campionato. «Quanti ne segnerò? Troppo presto, non posso dirlo, sarebbe molto importante restare al terzo posto, è più importante il traguardo della Lazio rispetto al successo personale. Io voglio aiutare la squadra a fare bene». Ha sofferto quando il gol non arrivava. Si è sbloccato a Palermo, dove ha realizzato una tripletta. Il più banale, a porta vuota, è quello che ricorda con maggior piacere. «Preferisco il primo, perché era il primo gol in Italia, in serie A. Dopo tutto è diventato più facile». Ha già capito, però, quale vorrebbe realizzare. «Segnare al derby sarebbe un sogno, è la partita più importante per tutti i laziali». Ha conquistato la fiducia di Pioli e di un gruppo compatto come forse mai era accaduto nel recente passato. «Pioli è un allenatore che sta facendo molto bene alla Lazio, sappiamo come è andata l’anno scorso. Ci fa lavorare molto durante la settimana. E poi in questa squadra non esiste una stella, tutti lavoriamo con lo stesso obiettivo, rimanere al terzo posto».

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=34684

Posted by on Nov 7 2014. Filed under News Lazio, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...