|

Champions e Coppa America, i due sogni di Maurito..

MAURO ZARATE SOGNA LA CHAMPIONS CON LA LAZIO E COPPA AMERICA CON L'ARGENTINAA luglio comincia infatti la Coppa America in Argentina e nonostante le possibilità che Zàrate venga chiamato siano ridotte al lumicino, in cuor suo Maurito sa che sognare non costa nulla..

 

ROMA – Nell’analisi fatta nell’edizione odierna de “Il Corriere dello Sport” emerge come Mauro Zàrate abbia assolutamente bisogno di confermarsi sui livelli della partita di Catania dove tra elastici, assist e gol su punizione, ha letteralmente annichilito la difesa siciliana e fatto stropicciare gli occhi a tutti gli amanti del bel calcio. Ne ha assolutamente bisogno perché tra i suoi obiettivi, oltre alla conquista della qualificazione in Champions League con la maglia della Lazio, ce n’è anche un altro, tinto sempre di biancoceleste ma questa volta con le strisce verticali.

OSSERVATO SPECIALE A luglio comincia infatti la Coppa America in Argentina e nonostante le possibilità che Zàrate venga chiamato siano ridotte al lumicino, in cuor suo Maurito sa che sognare non costa nulla e che un finale di campionato ad alti livelli non potrebbe lasciare indifferente il commissario tecnico albiceleste Batista che comunque continua a tenerlo sotto osservazione. Si, perché in Argentina stanno ancora aspettando il talento di Buenos Aires che, insieme ai vari Banega, Aguero e Di Maria, vinse da protagonista il Mondiale Under20 in Canada nel 2007. Le possibilità, come già detto, al momento sono poche ma una serie di fattori potrebbero favorire l’ex Velez Sarsfield visto che alla nuova Argentina costruita intorno a Messi, serviranno attaccanti esterni: con Higuain out da mesi e Tevez ed Aguero che ancora non riescono a trovare una collocazione, Zàrate potrebbe ritagliarsi il suo spazio nel tridente di Batista che nell’ultima apparizione era formato da Messi vertice avanzato, supportato da Di Maria e Lavezzi. Se si considera inoltre che per quel ruolo, nel giro della Selección circola anche il nome di Sosa, che sta in panchina nel Napoli, a quel punto è lecito che Maurito faccia di tutto per cercare di proporre la propria candidatura.

IL FUTURO NELLA LAZIO – La splendida prestazione al “Massimino” potrebbe aver aperto nuovi scenari anche per quel che riguarda il futuro di Zàrate in maglia biancoceleste. È vero che il presidente Lotito ha sempre difeso l’uomo di maggior talento della Lazio, ed anche il diesse Tare ieri non ha avuto dubbi confermando che «Mauro ha talento ed è ben visto da società e squadra», ma è pur vero che negli ultimi mesi non sono sempre state tutte rose e fiori, ed in più di un’occasione si era parlato di un out-out per la prossima stagione tra Reja e lo stesso argentino. Il ritorno al gol su punizione dopo 4 anni, ma soprattutto i due assist con cui si è divertito a mandare in rete prima Mauri e poi Floccari, potrebbero aver cambiato qualcosa in chiave futura. Il tecnico goriziano al termine del match gongolava per la prestazione di Maurito, che finalmente ha potuto «vedere per la prima volta come me lo ricordavo». Staremo a vedere adesso se nei progetti per il prossimo anno verrà allestita una squadra disegnata per giocare stabilmente con le due punte in modo da evitare tanti equivoci tattici.

CONDIZIONE ECCELLENTE – «Dopo la sosta volerà…» aveva detto il suo personal trainer Diego Giacchino, e le sue parole sono state confermate sul campo da Zàrate che ha ritrovato la sua condizione migliore. Il lavoro supplementare svolto dal 20 febbraio al 20 marzo ha dato effettivamente buoni frutti, probabilmente anche a livello psicologico dal momento che l’argentino è sempre stato abituato a questi allenamenti personalizzati che si erano visti anche nelle gestioni di Rossi e Ballardini, e che l’anno scorso con Reja erano stati interrotti. Una scelta che suo malgrado, venne accettata da Maurito che però negli ultimi mesi ha sentito il bisogno di tornare alle vecchie abitudini. L’allenatore goriziano, capendo il momento particolare del suo giocatore, ha deciso di concedergli il permesso di allenarsi con il personal trainer. Un lavoro basato sulla velocità e sulla potenza, sulla concentrazione e sulla capacità propriocettiva, e tutto questo gli ha permesso di tornare ad altissimi livelli come ha dimostrato nelle ultime partite dove oltretutto sta trovando con più frequenza la via del gol.

Fonte:corrieredellosport

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=9247

Posted by on Apr 19 2011. Filed under News Lazio. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...