|

Campionato Nazionale a squadre F.I.S.C.T.: la Lazio è promossa

Campionato Nazionale a squadre F.I.S.C.T.: la Lazio è promossaLa Lazio TFC vola nella Serie B del Calcio da Tavolo – Subbuteo! – Nel primo pomeriggio della Domenica delle Palme 2014 il cielo di San Benedetto del Tronto era biancoceleste: in un PalaSpeca gremito la squadra con l’aquila sul petto ha spiccato il volo e, dopo un week end di battaglie a punta di dito, si è guadagnata con pieno merito la promozione nella Serie B del Calcio da Tavolo – Subbuteo, terminando il campionato con 21 punti.
Tanti quanti i campani della Real Celeste Stabiae, cui è andato il primo posto per la vittoria nello scontro diretto, sebbene la formazione biancoceleste avesse la miglior differenza tra singoli incontri vinti e perduti (+ 19 contro + 16 dei ragazzi partenopei).
Tre “c” per dire addio alla Serie C: cuorecoraggio e capacità tecniche … questi gli ingredienti con i quali la Lazio ha affrontato la competizione sportiva e grazie ai quali si è messa alle spalle la delusione degli spareggi – promozione perduti negli ultimi anni.Ci voleva l’aria mite dell’Adriatico ed il suggestivo scenario del PalaSpeca per liberare le ali dell’aquila biancoceleste.
Simone Trivelli, nuovo capitano della squadra e giocatore allo stesso tempo, convoca per la due giorni adriatica Paolo Barone, Giuseppe Cascioli, Micael Caviglia, Gianmarco Del Brocco, Matteo Del Brocco, Patrizio Lazzaretti e Stefano Tagliaferri.La compagine, sapientemente coordinata dal team manager Alessandro Spoto, nel turno d’esordio è messa di fronte al Cosenza.La Lazio mette subito in chiaro dove vuole arrivare e rifila agli avversari un perentorio 4 – 0 senza subire nemmeno una rete: Caviglia a valanga su Soria (nel secondo tempo a SuperMiki subentra Barone) per un inappellabile 7 – 0, Trivelli 2 – 0 all’inglese su Romito, Lazzaretti 3 – 0 su Cuzzocrea e Gianmarco Del Brocco 2 – 0 su Carravetta. Nel secondo turno il primo vero ostacolo, i forti estensi del Subito Gol Ferrara, retrocessi dalla Serie B e desiderosi di ritornare immediatamente nella categoria di competenza.I biancocelesti riescono ad applicare la stessa “tariffa” del primo turno, vincendo tutti e quattro gli incontri e chiudendo perciò il match sul 4 – 0: Caviglia ancora straripante (7 – 2) su Volpi, Gianmarco Del Brocco 2 – 1 sul formidabile Balboni, Matteo Del Brocco in scioltezza (3 – 1) su Di Gennaro e la sicurezza Lazzaretti di misura (2 – 1) su Gargiulo.Lazio, dopo due giornate, prima in classifica a punteggio pieno insieme a Real Celeste Stabiae, la formazione di Castellammare di Stabia, entrambe davanti ai favoriti della vigilia, i giocatori del Subbuteo Club Grosseto.Ed il terzo turno di gioco mette di fronte proprio Lazio e Real Celeste Stabiae: la partita è vibrante e all’insegna dell’equilibrio.Bene Barone nella prima parte di gara con il temutissimo Varriale, che però prende il largo nella ripresa aggiudicandosi il match per 3 – 0, mentre soltanto nei minuti finali Lazzaretti lascia strada ad un ottimo Giosuè Esposito (1 – 2), cosicchè spetta a Caviglia su Massimo Esposito e a Gianmarco Del Brocco su Pino Setale cercare di riequilibrare le sorti dell’incontro.Le due partite sono difficili e molto spigolose: Caviglia va sotto ma recupera subito e termina sull’1 – 1 la prima frazione di gioco; Gianmarco Del Brocco sfiora diverse volte il vantaggio ma poi subisce l’affondo dell’avversario ed è 0 – 1 all’intervallo, con una situazione ambientale che induce il capitano ad entrare in sostituzione del proprio compagno di squadra.Nel secondo tempo è bagarre, Trivelli recupera lo svantaggio su Setale ma non va più in là dell’1 – 1, mentre Caviglia non riesce a superare il proprio avversario: il risultato finale è di 2 – 0 per i partenopei e questo score sarà decisivo per la attribuzione del primo posto del campionato, visto che – alla fine della fiera – le due compagini totalizzeranno gli stessi punti (21).Il quarto turno di gioco mette di fronte ai biancocelesti i giallorossi del Messina: la partita è molto delicata, sia per lo spessore dei giocatori dello Stretto, sia per le implicazioni psicologiche portate dalla sconfitta subita per mano della Real Celeste Stabiae.La partita, in effetti, si conferma difficile e soltanto nel finale la Lazio riesce a prevalere per 3 – 1, grazie alle affermazioni di Lazzaretti su Giliberto (4 – 2), Caviglia su Magrì (2 – 0 ) e di Matteo Del Brocco su Cortese (da 0 – 1 a 2 – 1 in zona Cesarini), che vanno a neutralizzare la sconfitta di Gianmarco Del Brocco al cospetto dell’ottimo Berselli. Arriviamo così al quinto turno di gioco (il penultimo della prima giornata di gare) e l’avversario designato sono i Lugo Roosters, che schierano lo spauracchio Giancarlo Giulianini, campione del mondo nel 2004.
La partita non comincia bene per i biancocelesti in quanto Caviglia, fino a quel momento impeccabile, va sotto inopinatamente contro Drei (1 – 4 all’intervallo), risultato riequilibrato da Trivelli, che passa prestamente in vantaggio su Conti, e poi ribaltato da Gianmarco Del Brocco su Montefiori (3 – 2 il finale), con la prima frazione di gioco che si chiude con la Lazio in vantaggio per 2 – 1. La squadra di Lugo, confidando nel successo di Giulianini su Lazzaretti – ancora sullo 0 – 0 – cerca la rimonta sostituendo Conti con Mazzolani, mentre la Lazio cerca di recuperare il match contro Drei inserendo Matteo Del Brocco al posto di Caviglia.Le due sostituzioni si rivelano vane: sul campo di Matteo Del Brocco il risultato resta quello del primo tempo, mentre Trivelli arrotonda lo score sul pur forte Mazzolani, chiudendo alla sirena sul 5 – 2 con due eurogol dall’angolo sinistro.Proprio mentre Lazzaretti piazza la zampata vincente e supera Giulianini per 1 – 0, fissando il risultato finale tra le due squadre sul 3 – 1 per la Lazio.Il sesto turno di gioco oppone i biancocelesti al Subbuteo Club Grosseto, che schiera i forti portoghesi Ramos (ex Lazio) e Miguel, i quali non lasciano scampo a Gianmarco e Matteo Del Brocco.Ciononostante il match può essere riequilibrato perché Trivelli su Stellato e Lazzaretti su Petrini sono in parità e mostrano di poter assestare il colpo vincente.In effetti Lazzaretti passa nel finale su Petrini – 1 – 0 – , ma l’impresa viene solo sfiorata in quanto la traversa nega a Trivelli il vantaggio sul proprio campo, lasciando il relativo score sull’1 – 1, con il punteggio finale tra le due squadre che arride ai toscani per 2 – 1.Termina così la prima giornata di gare, con la Lazio terza dietro Real Celeste Stabiae e Subbuteo Club Grossetto.La notte serve per riordinare le idee, la promozione è a portata di mano, ma i biancocelesti vogliono entrarci dalla porta principale.E allora la Domenica delle Palme salgono sui pedali e sprintano in maniera perentoria superando con determinazione le tre ultime avversarie, alle quali non viene lasciato scampo.Biella viene superata per 3 – 0 con Caviglia a go – go su Schiavi (5 – 1), Trivelli deciso su Pisca (sostituito nella ripresa da Bodin de Chatelard) per 1 – 0, Gianmarco Del Brocco in sicurezza su Martiner Testa – 2 – 0 – e Lazzaretti a controllare il volitivo Jon Scotta (1 – 1).Modena subisce la stessa sorte ed il 3 – 0 viene suggellato dalle grandi prestazioni di Barone su Manfredi – 2 – 0 – , Caviglia ancora pirotecnico su Corghi (6 – 2), Lazzaretti essenziale su Porro 1 – 0, con Matteo Del Brocco a dare spettacolo nel rocambolesco 4 – 4 con Montanari.Arriviamo all’ultimo turno di gioco, la Lazio ora è seconda, avendo scavalcato Grosseto, che, mentre la squadra biancoceleste metteva il turbo, incappava nella sconfitta con la Real Celeste Stabiae e in un pareggio con la forte Genova, quarta in classifica.Ed è proprio Genova l’ultima avversaria della Lazio, la quale si impone perentoriamente per 4 – 0, risultato frutto delle sicure affermazioni di Trivelli su Maggio 4 – 0 , Caviglia su Bacchin (4 – 1), Gianmarco Del Brocco su Tinebra 3 – 0 e, infine, della grandissima vittoria di Giuseppe Cascioli su Fassio 3 – 0, grandissima e anche suggestiva perché conseguita dal giocatore che tanto ha dato alla causa biancoceleste per portare la squadra dall’interregionale alla Serie C.Al suono dell’ultima sirena, complice la sconfitta di Real Celeste Stabiae con Messina, la Lazio arriva ad affiancare al primo posto con 21 punti proprio i partenopei ed è promossa in Serie B.Gioia, euforia e soddisfazione: l’abbraccio del gruppo le testimonia più di ogni altra cosa, tuttavia sono composte perché questo è lo stile del Sodalizio Biancoceleste e perché è stato raggiunto un obiettivo importante sì, ma intermedio … la missione non è ancora finita! Concordia parvae res crescunt.

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=31535

Posted by on Apr 15 2014. Filed under Polisportiva. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...