|

Aperta un’inchiesta sui presunti cori antisemiti. Ma dei “buuu” a Cisse e soprattutto delle aggressioni a Ponte Milvio perché non ne parla nessuno?

È notizia di oggi che è stato aperto da Palazzi, un fascicolo sui presunti cori antisemiti arrivati un’ora e mezzo prima del derby ad opera di una piccola parte della Curva Nord e indirizzati ai dirimpettai in Sud. Le prime reazioni erano arrivate domenica sera con Pacifici, il presidente della Comunità ebraica di Roma, che aveva manifestato tutto il suo disappunto dopo essere stato avvertito, come riporta l’edizione odierna de Il Tempo in un articolo a firma di Luigi Salomone, da alcuni tifosi laziali di religione ebraica presenti allo Stadio. I cori sono sempre gli stessi «giallorosso ebreo….» e «As Roma juden club», indubbiamente di cattivo gusto ed evitabili e visto che durante la partita gli ispettori federali presenti all’Olimpico non avevano potuto annotare nulla, solamente in questi ultimi giorni sono partite delle ricerche spasmodiche per trovare dei file audio che testimonino l’accaduto. Tutto perfetto, fin qui. L’antisemitismo, anche se per questi cori è sarebbe più adeguato parlare di ignorante goliardia da derby, è deplorevole e nessuno che conosca la storia dovrebbe permettersi di utilizzare questi mezzi neppure per scherzare su una partita, ma tuttavia rimane qualche dubbio sul perché non siano stati usati gli stessi parametri anche in occasione dei “buuuu” dei tifosi giallorossi nei confronti di Djibril Cisse ogni qualvolta toccava il pallone. Non solo questo. Al termine della partita, ascoltando i vari racconti di molti tifosi nella giornata di ieri sia durante la festa di Formello che nei vari salotti delle Radio romane, sono state molte le testimonianze delle aggressioni di tifosi giallorossi a Ponte Milvio ma al momento nessuno dei piani alti ne ha ancora parlato: «Se la sono presa con me che ero con i miei due figli, con una signora anziana e con un ragazzino. Non so nemmeno come definirli questi veri!», ha raccontato impietrito un ascoltatore a Radiosei durante la trasmissione “9 gennaio 1900”, e tante altre voci si sono fatte sentire come riportato anche da calciomercato.com, tutte con la stesso minimo comune denominatore. “A Roma c’erano circa 80 tifosi romanisti che hanno aggredito inermi tifosi laziali che tornavano a prendere le proprie auto. Donne, bambini e anziani sono stati presi d’assalto con bottiglie rotte, spranghe e bastoni. Ci sono molti referti medici che ne danno testimonianza”. Alla luce di questi fatti la domanda sorge spontanea: se è giusto che venga cercato e punito chi si sia reso protagonista di cori che hanno rievocato in un modo o nell’altro l’olocausto, perché non avere lo stesso riguardo per chi allo stesso modo ha scimmiottato un giocatore di colore, o ancora peggio per chi si è reso protagonista di vere e proprie violenze nel post partita? Oltretutto non si tratta di una novità questo genere di atteggiamento, basta ripensare a quando lo scorso anno prima del derby di Coppa Italia il Team Manager Maurizio Manzini venne colpito da una scheggia dopo che un tifoso della Roma tirò un sasso addosso al pullman della Lazio. Dopo l’inevitabile sbigottimento di tutti favorito anche dalle immagini di tutte le televisioni, anche quella cosa passo in sordina per non essere più tirata fuori. Casualità?

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=13884

Posted by on Ott 19 2011. Filed under News Lazio, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Marcello: Ma ancora queste stupide notizie nel sito della Lazio? C’è da vergognarsi.
  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...