|

Anderson e Keita, talento per volare

Anderson e Keita, talento per volareOra più che mai c’è bisogno di un tocco in più. Di magia o almeno di fantasia. Per rialzarsi, per tornare a guardare lontano. Nella Lazio raggomitolata da due sconfitte di fila, si fa martellante la voglia di correre verso la trasferta di sabato contro il Chievo. Ansia di riscatto. Ma anche la necessità di scuotersi dalle ultime prestazioni. Perché, contro Empoli e Juventus, la formazione di Pioli ha oscurato molte delle qualità espresse nelle gare precedenti. Adesso, serve la sterzata per rimettersi in corsa. Principalmente con se stessi. Un lampo per riaccendersi. Prima di tutto nel gioco. Ma anche e soprattutto nei risultati.

ISPIRAZIONE
Così l’ispirazione di chi sa creare gioco può servire per accelerare i tempi dell’operazione. Una giocata doc aiuta per sfrecciare nel percorso dei problemi da risolvere. Ed in fondo, era quello che Pioli fondamentalmente già si aspettava nella gara di sabato dal ritorno di Keita. Il talento ex Barcellona, al rientro dopo 7 giornate, poteva diventare la carta a sorpresa per far saltare il banco contro la capolista. L’occasione per mostrare in una sfida di prestigio le sue doti, spesso intraviste e comunque ancora tutte da svelare. Keita, come i suoi compagni, è rimasto invece avvolto dai limiti e dalle insicurezze di tutta la squadra. Gli è mancato il colpo in più, quello che Pioli ha poi cercato con l’innesto di Felipe Anderson, subentrato dal 12’ della ripresa proprio a Keita. Il 21enne brasiliano ha mostrato un brio maggiore rispetto al 19enne spagnolo. Alcune sue giocate, anzi, sono risultate tra le cose migliori della Lazio finita al tappeto contro la Juventus.

LA RINCORSA
Così, verso la gara di Verona, in attesa di verificare già oggi dalla ripresa della preparazione le condizioni di Mauri per un suo possibile recupero, i nomi di Keita e Anderson restano in corsa per completare il tridente d’attacco. Le loro prestazioni contro la Juventus, passate ai raggi x dei numeri, sfoderano dati interessanti. Così Keita, in 57 minuti con la Juve, ha totalizzato 15 passaggi positivi (appena 3 quelli negativi), ma si è segnalato anche in fase di interdizione (4 palloni recuperati). Più appariscente Anderson nei suoi 33 minuti in campo. Ben 4 dribbling riusciti al brasiliano che ha sfornato anche 2 cross. Il suo apporto si è distinto nelle verticalizzazioni (6 quelle a buon fine). Nel complesso generale di questo campionato, nei 335 minuti giocati, Anderson ha concluso positivamente 106 passaggi, 17 dribbling e 12 cross: cifre che esaltano il suo contributo in fase di ispirazione del gioco. Ma anche Keita, nei suoi 218 minuti totali giocati finora, si è fatto sentire molto sul piano degli assist: 83 quelli riusciti. Entrambi sono ancora a secco di gol. Una lacuna da colmare al più presto. Intanto, da oggi, scatta la loro rincorsa per giocarsi un posto nella formazione biancoceleste di scena sabato a Verona col Chievo. Un duello che potrà esser deciso da un tocco in più, quello in grado di convincere Pioli.

www.sslazionews.it

News SS Lazio, tutti i giorni 24 ore su 24 le notizie sulla Lazio, aggiornamenti da Formello, notizie di Calciomercato, risultati, classifiche, foto e highlights dei gol

Related Articles:

Post Footer automatically generated by Add Post Footer Plugin for wordpress.

Short URL: http://www.sslazionews.it/?p=34753

Posted by on Nov 25 2014. Filed under News Lazio, Primo piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Leave a Reply

<

Commenti Recenti

  • Madic Roma: Certo che il calcio mercato della Lazio è sempre un mistero, non si sa mai come si sviluppa quali sono...
  • Madic Roma: Visto che i migliori se ne stanno per andare (v. Biglia, Candreva, Marchetti……..) almeno...
  • Madic Roma: Anderson, grande nota dolente. L’ho sempre definito il più grande flop preso dalla Lazio dopo il...
  • Madic Roma: Vedere la mia nota precedente. Bielsa è sempre stato un pazzoide presuntuoso e avido e nei confronti...
  • MadicRoma: Se è vero che ha chiesto 4 mln, cortesemente gli pagherei il taxi per Fiumicino invitandolo a salire su un...